FUEE (FOGLIA)

Fuee

Strani come che al sedi biel viodi l’autun
Cun ducj chei biei colôrs
Cuant che dut al sta par murî.
Mi samee di viodi cualchidun
Biel ma cun tal cûr tancj dolôrs
Par un amôr che al samee finî

Lis fueis a cjapin tantis formis
e zalis, rossis, maron sul morâr restadis
o za finidis purtrop su la strade.
Mi fâs pensâ a moments e a tantis robis
tant bielis che o ai lassât colâ o coladis
e no podê gjoldi parcè macolade

O spieti che l’aiar al puarti vie dut
Chest biel spetacul che al jemple il cûr
E tal stès timp ti fâs lagrimâ i voi.
Cussì o stoi a cjalâ la biele fuee che o ai vût
E dismenteami impussibil al è sigûr
Di chest amôr e di ce che cumò o soi

 

 

FOGLIA

Strano come sia bello vedere l’autunno
con tutti questi colori
quando tutto sta per morire.
Mi sembra di vedere qualcuno
bello ma con nel cuore tanti dolori
per un amore che sembra finire.

Le foglie prendono tante forme
e rosse, gialle, marroni sul ramo rimaste
o tante ormai già finite a terra.
Mi fanno pensare a momenti e tanti attimi
tanto belli che ho lasciato andare o caduti
e non poterne godere perché ormai rovinati.

Aspetto che l’aria porti via tutto
questo bel spettacolo che riempie il cuore
e nello stesso momento fa piangere.
Così stò a guardare la bella foglia che ho avuto
e di dimenticarmi è impossibile
come di questo amore e di quello che ora sono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *