QUADRO

Mi chiedo spesso dove stai andando
tutte le volte che non mi stai guardando.
Mi chiedo se tutto ho sbagliato
o se il rapporto è solo danneggiato.
Perché mi fa soffrire questa distanza
che riesci a farmi provare in questa stanza.
Perché riesci a far crollare in un secondo
quel che avevamo creato: il nostro mondo.

Ti chiedo se c’è ancora una speranza
mentre cerco il tuo sguardo con impazienza.
Ti chiedo se c’è ancora qualcosa
o è rimasta un’esperienza fumosa.
Perché non riesco a smettere di desiderarti,
ho paura nel provare a provocarti,
visto che sei immersa in altre cose
di cui non faccio parte, e sono dolorose.

 

 

 

Mi chiedo se ci sono alternative,
se possiamo ancora essere anime vive.
Mi chiedo se non ci lasciamo trasportare
troppo da questa vita frenetica senza amore.
Purtroppo sono perso senza sentimento,
pian piano muoio se non lo sento,
senza mi sembra d’essere privato di gioia,
immerso in una semplice totale noia.

Ti chiedo per piacere se ci entro ancora
nella tua vita, in ciò che ti addolora.
Ti chiedo se mi vuoi accanto,
non per consolarmi vistomi affranto.
Perché della tua vita voglio farne parte,
non di continuo messo in disparte.
A guardarti, tu, quadro che non si può avere
ma solo ammirare, sospirare e non toccare.

Mi chiedo se non prendere mai l’iniziativa
era perché fino adesso per fortuna non serviva.
Mi chiedo ora se facessi il primo passo:
NO! perdere tutto non posso.
Perché a volte preferisco solo vederti
piuttosto che per sempre perderti.
Perché non credo che ci sia un bel destino
se ci si comporta da cretino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *